His pictorial images in which fin de siècle dreams, sensitive tonalisms and failed fairy tales of our time gravitate (...)                                                                   Prof. Dr. Carlo Franza                                                                                            Le sue immagini pittoriche in cui gravitano sogni fin de siècle, sensibili tonalismi e mancate favole del nostro tempo  (...)                                                                                   Prof. dott. Carlo Franza

CRITICAL TEXT


The recently undertaken aesthetic language unites photography, printing and painting in a "unicum". Elements functional to the poetics of Anna Montanaro. They represent her memory in her confused, fragmented and fragmentary being; her memory, in its romanticism and in her sweetness, to preserve it and transport it to the present. An introspective search for images of one's unconscious which, from time to time, emerge from the canvas like a memory trapped in the memory. An image that is sometimes blurred and in some cases clear, in which: objects, figures and shapes mix resulting in a dreamlike narrative. The technique used is deliberately ephemeral and latent aimed at emphasizing the narrative and involving the viewer in the search for similar elements. Scratches and continuous glazes alternate, creating a process with multiple overlapping layers that give depth to the narrative by "stratigraphically and sedimenting" the image, immortalizing it over time.

Dr. Prof. Giorgio Gregorio Grasso - Art historian and critic


Anna Montanaro manages to combine multiple techniques, multiple philosophies, multiple artistic languages, multiple aesthetic languages ​​to create a work that you cannot define in any way except with Anna Montanaro's personal work. Notes of travel represents India but the hope is that the project will be extended to other states. Anna Montanaro's work excites you, it makes you experience a reality you didn't think of, it lets you enter a magical world you didn't imagine. Anna Montanaro's true skill - which comes from painting - in this case is in recognizability which is very difficult in photography and is one of the most important successes of an Artist. As you will then see, each work has its own story, each work has its own message, each work wants to say something; in reality they will be "Travel Notes", but they are not travel notes, because Anna represents the whole of humanity, the philosophy of life, the philosophy of civilization, therefore it goes far beyond the message that she would like to limit by a title that is reductive .

Dr. Prof. Giorgio Gregorio Grasso - Art historian and critic


Anna Montanaro's mixed media works (that rely on memories that provoke feelings that are transformed into symbols as a final result) are exploring outer scene (the dance) the same way as an intimate, inner scene (the parenting) thus blurring the percepton for "in" and "out" saying: "We are one!". 

Dr. Kornelija Koneska, Art critic and director of Osten Biennial of drawing and Osten Catoon, Skopje, Macedonia.


The numerous symbols, alongside concrete images in digital processing, allow Anna Montanaro to construct works developed on different perspective planes and levels, which can recall childhood fantasies and memories or existing visual glimpses. Observers are invited to undertake a "journey" between real and unreal, in the dialectical interlocking of daily needs "the same for everyone", such as water. The painter tends, on some occasions, to fill voids, to bring together shapes, objects and people, trying to involve the public in a journey of introspection and analysis. The juxtaposition and alternations - between graphic aspects and tones, between lights and shadows - make the visions represented sumptuous.

(from) Nuova Arte: Review of artists and participants in the "Art Prize 2015-2016", Cairo ed.; Anna Montanaro page. 32


Maestro Anna Montanaro was born in Carate Brianza and already at the age of eleven he attended the free F.A.L. Artistic Academy. After obtaining his artistic high school diploma at the Pio XI in Desio, under the guidance of Marcello Maloberti and Giampiero Moioli, he enrolled at the Brera Academy of Fine Arts in Milan in Art Restoration, specializing first in the restoration of paintings on canvas and wood from the 16th and 17th centuries at the PDM institute in Prato and, later, in the restoration of frescoes, surface stuccos with Giuseppina Suardi and Elena Gigliarelli at the Dedalo's Academy in Brescia.

She then assisted Professor Luciana Biliotti in the ancient paintings course at the Brera Academy of Fine Arts. Among the awards we remember the recent award for Graphic Art at OSTEN-Biennale di Drawing 2022 in Skopje (Macedonia). Tender faces look out, they are patient children; attentive and curious they lie down on a brown surface, a photographic shot with vintage colours; the toy bears in the center, eyes wide and glassy. Anna Montanaro's work presents itself as a revealing investigation of lost emotional resonance. Apparent kaleidoscopic reiteration of the same child, the pure soul of the depicted, crossroads of numerous moments of existence, flees, disconsolate, the visitor's gaze, so much sweetness and trouble innocent pupils, so much vigor still in opening the hands, alibi instruments of doing as well as healthy. They express fears, anxieties lying in the heart, they seek hope, long-awaited love. As they get busy, their dilated moment stops the sudden abandonment of the flapper's wings. Like a play mat, almost like a waiting room, it softens and muffles melancholy sobs, the early sufferers find a semblance of tranquility and laughing warmth. The teddy bears smile, listen, words they don't pronounce but understanding and affection they release. Guardians of sweet and bitter memories, the children, nostalgic guardians, reveal their silent history to them and they, caring confidants, gradually dissolve the lump of pain. Realism is given by photography, paint and resin overflow with a romantic touch: the Dadaist photomontage of Ours, long from arid experiments with sentimentalism, turns into an anchor of connection. Patiens blends the aura of tragedy of existence and confidence in the future into a single narrative, while the plots weave a tapestry of loving empathy.

Dr. Stefania Pieralice - International critic of modern and contemporary art (from) V Triennial Catalog of Visual Arts in Rome "The Poetics of Differences", pages. 180 - 181, 2023.


Her pictorial images in which fin de siècle dreams, sensitive tonalisms and failed fairy tales of our time gravitate, Anna Montanaro is an artist of today, with an entirely figural and real bent that incorporates her new narrativity; and she fully experiences the scope of national signals to which she has leapt for distinction because she allows modernity and tradition to coexist.

Prof. Dr. Carlo Franza - International critic of modern and contemporary art


The discovery of the possibility of letting different artistic techniques interact and mixing them, transforming them into a personal and recognizable style, has generated in contemporary creatives the tendency to explore emotions and sensations which are then expressed in the way most similar to their own expressive inclination, without having to stick to rules or stylistic limitations that would not allow them to feel free to make their voices heard spontaneously. The artist I will tell you about today merges two apparently distant techniques, photography and painting, which however, by virtue of his expressive ability, overlap and harmonize in a delicate and intense universe with a strong emotional impact. The twentieth century was a century of artistic experimentation, as well as technological innovations and, although in the early years a link was maintained with painting understood in the most classic sense of the term, moving forward towards the 1950s we began to carry out contaminations between art understood in a more traditional sense and the discoveries that followed rapidly. Photography, cinema, research on kinetics, the discovery of objects as forms of art, everything was functional in giving life to artistic languages ​​that were sometimes outside the box, other times provocative and, in the case of some movements, denigrating the society of era. Dadaism was the first current in which everything that was unconventional could be transformed into art, as in the case of the urinal transformed into a fountain by Marcel Duchamp, but also where techniques such as collage, which characterized the artistic production of Hannah Höch, and the photomontage that made John Heartfield famous, became the basis of research for subsequent movements that took inspiration from those innovations. Surrealism, which was born from the ashes of Dadaism, became closer to cinema, to moving images which became the completion of the work or simply part of the experimental path of the artists who joined it, as in the case of Salvador Dalì who created disturbing films together with director Luis Buñuel, or by Man Ray in which photography itself became a work of art through which to underline and materialize the guidelines of the movement, while collage distinguished one of the few women belonging to Surrealism, Eileen Adgar. But the interaction between image and art did not stop with those avant-gardes of the first decades of the twentieth century, on the contrary, as time continued, it was precisely collage that became emblematic of many exponents of Pop Art, from the Englishman Peter Blake to the Italian Mimmo Rotella who, with his Pop style mixed with Nouveau Réalisme in which he reassembled excerpts of advertising posters with icons of the 1950s, left an indelible mark on the history of international art. And yet the famous contemporary Michelangelo Pistoletto even breaks every mold and inserts photographic images of ordinary people inside mirrors in which the illusion between the real and the observed gives the user disorientation and at the same time the charm of imagining a dimension different from that normally experienced. The Lombard artist Anna Montanaro returns to a much more traditional style compared to the aforementioned masters of the twentieth century, in the sense that the figuration and order of the work tend towards a realist representation, while nevertheless characterizing her canvases with photographic inserts that mixes to an evanescent painting, almost fading between dream and memory, an in-between world that everyone encloses within their own emotional treasure chest and this is why the nostalgic sensation cannot help but envelop the observer. However, the artist's journey backwards is not limited to his own emotional baggage, that which belongs to the interiority and life story of each individual, but rather extends to collective memory, dedicating a series of canvases to great events and great characters. of the sporting past, to the symbols of Classicism, always using what distinguishes all his production, that is, the overlap between photographic images and pictorial contribution through which he manages to instill that suspended atmosphere where color becomes emotional underlining. Black and white represent nostalgia for a glimpse or a landscape no longer belonging to the present but still alive in the artist's memory, beige embodies a symbol deposited in the emotional treasure chest and which has the sweet flavor of the pleasant moment, of the moment magic in which something beautiful linked to that glimpse is linked to the emotional world and then the bright colors to give life back to a past that needs to be described in stronger colours.

Dr. Marta Lock - art critic

The delicate and intense fragments of memory in the stylistic overlap of Anna Montanaro, (from) L'opinionista online, magazine 1 April 2022


In her artistic research, Anna Montanaro shows that she follows two apparently different approaches which arise, however, from the same sensitivity in the way of conceiving art: as a static vision, according to the canons of a classicizing perfection, or according to a dynamic, contemporary conception , in which artistic making develops freely and actively. Certain images, portraits and graffiti studies, seem like postcards from the old days with the scent of the beauty of memories and profound meanings, images veiled by a transparent curtain, barely visible, sometimes compact, white, with drapes that fall at the feet of the protagonists like a barrier, almost an invitation to lift it to discover an unknown world. In this first way, Anna Montanaro's art transmits a mysterious nostalgia that envelops and dominates the atmosphere of the works, as if the artist was pleased to relive repressed feelings without compressing the vital impulses, which are consumed in themselves between tacit keyboards of an internalized music. Closer to sculpture, this series of works emphasizes the beauty and fragility of being seen according to statuary perfection: naked bodies posing, in soft, harmonious, sleeping attitudes, sometimes presented from behind, sometimes in twists, or from the front , close to an enigmatic form of an archaic horse that stands out due to its full-bodied figure. And again a mythological couple, Angelica and Medoro, ready to engrave their love story on the bark of the tree; and faces of melancholy in which expressiveness is concentrated in the intensity of the gaze lost in deep contemplation and immersed in expectation; portraits exhibited in profile in expert silence, as in Siliere, or an enigmatic Ophelia with her face marked in two slightly contrasting parts. The angel with wide wings appears emblematic, kneeling in front of a white river that submerges him like an uncontainable avalanche, a luminous, beneficial signal or just a deceptive disguise that urges submission? Does it express impotence, prayer, rebellion, enlightenment or harmless yet decisive evasion? The artistic discourse continues with a metaphorical flight of butterflies, a constant in the author's creative imagination, not by chance associated with children with their elusive desires that provoke the cry of the man-child, or outstretched hands that reach out to take a toy, offer a flower to the symbol of metamorphosis, or representation of the Psyche, migrating souls, complex impulses, transcendent phases to access lively and engaging real life. And we are in the second way, when the creative act frees itself from the reflective nostalgia for a static classical beauty and focuses on realistic images, a stance in which interest in the social event, in psychology, in the moods, forms and meanings of a development of artistic thought that adapts to a constantly changing reality. The protagonists are once again the children who walk with the sweet pace of friendship, play hide and seek, or stand in thoughtful poses next to a labyrinthine portico. It is a lively and coordinated dance in the harmony of movements in which each participant contributes to the accomplished gesture of joy; Urania, the blindfolded young muse of astronomy alludes to an ancestral relativism; various portraits of children with their eyes lit up by questions waiting for answers. The tennis players, the great Wimbledon challenge, an Indian woman at work, witness for a Travel Notes project, join in a dynamic atmosphere. In this dynamic vision, Amarcord or ice cream trams with a precise destination, and the racing cars of the agile beauty of Lamborghini could not be missing. A new Sensum chapter opens with strong images linked to the dramatic situation caused by a virus which, due to the violence of the contagion, has changed the course of life in the world. The artist presents it as a symbol of fear, a silhouette made in charcoal, equipped with a gas mask; then he continues with a photographic collage in colour, paint and resin, faces in which we can read fear, loneliness, anger, pain, hope, happiness. As Anna Montanaro herself states, her artistic language is "a moral concept", which on the one hand emphasizes the aesthetics of classical perfection and on the other captures senses and sensations from a current world that she wants to reveal with her art and denounce with objectivity; this is why Anna Montanaro is an artist and at the same time she is a voice!

Anna Montanaro. A voice for art. Dr. Victoria Dragone - Poet and art critic


Anna Montanaro works on the image and on the materials that become the primary structure of the subject. In her scratched painting, tones, colours, brushstrokes overlap lightly but decisively, giving depth and richness of visual planes which are slowly revealed to the observer's eye. Her art is refined, full of conceptual ideas, in which the mask, the double, the reflection, the transparency take on an ideal and mental value.

Dr. Guido Folco President Editor-Director-Founder of the international monthly "Italia Arte". Director and Curator of the MIIT Museum in Turin. President of the Folco Gallery. Professional journalist. Art historian and critic. Cultural Manager Aspim Europe. Defensor de Bens Culturais Instituto de Recuperaçao do Patrimônio Historico no Estato de São Paolo do Brasil. President of the Aldilà Artistic Movement Study Center. Member of the Honorary Committee of the Venice Art Triennale of Palazzo Albrizzi Capello and of the BIAC International Biennial of Contemporary Art in Potenza. Murgia Biennial Collaborator. Scilla Jazz Festival collaborator. Curator of 'FIMAC International Mediterranean Festival of Contemporary Art'.


Artistic expression is the result of a moment in human becoming, which aspires to record that moment and how it affected the artist and the universe that contains him. Each work is a piece of its creator, it is a piece of history, which in some way tries to achieve behavioral or simply emotional changes in its contemporaneity. In the work of art nothing is random, although we think differently, the artist creates with what he has and is aware of his life, his environment and his infinite universal data and tries to guide his doing to obtain a operates with contents, from conscious and subconscious. We are ephemeral and eternal and just like the work of art which, although it lasts centuries and millennia, is also ephemeral. The magnificent thing about the work of art is its emotional value, its testimonial and fundamentally cultural value. We know humanity's past, to a large extent, thanks to works of art. Anna Montanaro dedicates herself to this work and does it with all the internal emotional load that amplifies the evolution of these moments, in which the sustainability of the planet and its environment is an imperative. One of the many possibilities that we have to support the color of the earth, the color of the sky, the rays of the sun is manifested in it. The development of greenery that grows from below, modifying the life forms in the concrete and iron jungle and reabsorbing us into something more natural, more understandable. The reasons for art must be "listened to", they are not whims or games, they are alert, they are hope.

ANNA MONTANARO - "Sustainability from earth to sky''. Dr. Antonio Guzzo - Art critic, Argentina.

Testo in lingua originale

La expresión artística es el resultado de un momento en el devenir humano, que aspira a dejar constancia de ese instante y como afectó al artista y al universo que lo contiene. Cada obra es un pedazo de su creador, es un pedazo de historia, que de alguna manera intenta obtener cambios de conducta o simplemente emocionales en su contemporaneidad. En la obra de arte nada es azaroso, aunque pensemos lo contrario, el artista crea con lo que tiene y tiene conciencia de su vivir, de su entorno e infinidad de datos universales y trata de guiar su hacer para obtener una obra con contenido, desde lo consciente y subconsciente.Así como nosotros somos efímeros, la obra de arte, aunque dure siglos y milenios, o eras, también es efímera. Lo magnifico de la obra de arte es su valor emocional, su valor testimonial y fundamentalmente cultural. Conocemos el pretérito de la humanidad, en gran medida, gracias a las obras de arte. Anna Montanaro, abocada a esta obra, lo hace con toda la carga que guarda en su interior para magnificar el devenir de estos momentos, en que es imperioso la sustentabilidad del planeta y su entorno. Manifiesta en ella una de las tantas posibilidades que disponemos para sustentar el color de la tierra, el color del cielo, los rayos del sol. Elevando desde abajo el verde in crescendo, modificando formas de vida en la jungla de hormigón y hierro y reabsorbernos en un algo más natural, más comprensible. Las razones del arte deben ser ¨oídas¨, no son caprichos ni juegos, son alertas, son esperanza.


In this work the artist Anna Montanaro demonstrates that she moves very well within a genre of contemporary painting which, combining ancient and modern, uses schemes and matrices of informal origin - in particular, gestures and a sort of dripping. - to represent a fragment extrapolated from a broader view attributable to the romantic tradition. The depth and effects created on the liquid mass are notable; the vision of this work demonstrates how interesting and valid the results obtainable with this type of research are, as it manages to propose new emotions and sensibilities, in a context that can be defined - as has been acutely stated - of a neo-naturalism. The artist Anna Montanaro was able to propose an image that has every appearance of having been ideally extrapolated from a broader image, to summarize the stylistic and content characteristics.

Amedeo Bigotti - Critic and Art Historian


The subject depicted is revealed to us by the title: "Ice cream tram or Amarcord". One of the meanings of the word Amarcord is precisely "nostalgia for memories", and this painting evokes it. The romanticism in the depiction is found in the historical sense of the word, that desire to return to the past, the nostalgia for other times is revealed in the subject which looks like a vintage photo. We are in front of a city view, and we see up close the road along which the ice cream tram passes. The nostalgia is increased by the fact that the city is completely deserted, without a soul, while the tram proceeds alone to follow its route.

Anna Montanaro has found her own unique pictorial language and not comparable to anyone else. She has developed an expressive method that manages to combine various techniques, such as paint, collage, digital processing, printing on canvas and intervention with acrylic colors to achieve new solutions. This combination of photography, printing and painting results in paintings with an almost ancient flavor but a purely contemporary workmanship. She manages to combine ancient and modern. The ancient, for example, shines through from the repetitive signs that dot the canvas and almost seem to transform it into a fabric with precious embroidery, over which the depiction of the subject then makes its way. Furthermore, the colors overall give the effect of being faded, lightened perhaps due to too long exposure of the pigments to the sun, just like a fabric. Or would it be better to say that it is a work with colors that can recall a wall painting? Whether it is one thing or the other is obviously dictated by our imagination but in the overall impact what we get is a reference to the past. It thus creates a stratification between references to the past and contemporary technologies, a dichotomy between ancient and present. In fact, his painting has already been described as "An introspective search for images of one's own unconscious which, from time to time, emerge from the canvas like a memory trapped in the memory. (...) Scratches and continuous veiling alternate, creating a multi-layered process overlapping layers that give depth to the narrative, stratigraphically and sedimenting the image, immortalizing it over time."

Anna Montanaro was born in 1981 in Carate Brianza. Since she was young, she was passionate about art and continued a course of study in line with her creative streak, first attending the Pio art. Subsequently, she deepened her studies, focusing on the restoration of ancient paintings from the seventeenth and eighteenth centuries and the restoration of frescoes. She followed these courses at the PDM institute in Prato and at the Dedalo Study Center in Brescia. In 2016 you also obtained the ministerial qualification of Collaborator Restorer of Cultural Heritage - Restoration Technician.

Although these biographical information might suggest a style of classical and academic taste, the painter is a precise observer of the contemporary, using mixed techniques and various creative methods in the creation of her canvases. Although her works sometimes have a nostalgic flavor towards the past, the technical research that she is carrying out is very current and singular. This unique and recognizable style of hers has also allowed her to participate in several collective exhibitions. Among the most recent she can boast the Art Prize exhibition at Palazzo Reale in Milan, the 16th National Art Prize in Novara; the W.A.B. Biennial in Bra; and the solo show at the Zengallery space also in Milan. Her works have also been reviewed in important publications in the sector such as the Catalogo dell'ArteModerna n. 52, Editorial Giorgio Mondadori.

edited by the editorial team www.venderequadri.it


The depicted substance of every breath of life: in "Ophelia" by Anna Montanaro, every forgetful breath breaks into one another, like a living wave. And it is our intimate Face that emerges from the canvas, like a petal that returns to the heart that had lost it. The technical, narrative, emotional and conscious stratification brought by the Artificer: warning to the inestimable and intimate mirror of memories, of them silent, throbbing reverberation, and touching and immaculate source.

Memory itself, the silent reverberation of the Effigy and the Colour: immaculate source for the soul that vibrates from it, listening madly. "Silere" (50x70 cm) is an evocative work by Anna Montanaro.

The depicted substance of every breath of life: to feel it coming, to be able to cross it; every forgetful breath breaks into one another, like a living wave, and it is our intimate Face that emerges from the canvas, like a petal that returns to the heart that had lost it. "Amarcord or ice cream tram" (cm 80x120, 2017 - already published in NUOVA ARTE, Ed. G. Mondadori, 2017), is a lyrical work created by the artist Anna Montanaro.

Dr. Giada Eva Elisa Tarantino - Art historian and critic


In Anna Montanaro's unmistakable and personality-filled work we see, in the courage of the sober tones and the delicacy of the features, fragments of struggles; a true imprinted feeling that invites above all to observe the Work and the colors without haste, to grasp a message of transformation in the Soul and in Thought.

Dr. Roseli Crepaldi - Art critic and curator, CEO of the Milanese Gallery


In this article I intend to highlight Anna Montanaro's notable artistic career. Born in 1981, Anna Montanaro has a lifelong artistic education, which results in a multilingualism articulated in anagogical, anthropological, socially strong and evolutionary nuances. The artist acquires numerous awards which lead her to national and international exhibitions. His pictorial and photographic ability is recognizable immediately, from the ancestral and dreamlike expressiveness of the depictions, which transport users into a dream world, suspended between everyday reality and the afterlife, where the transmutation of the soul resonates quiet and fast in today's pace. Each nuance is therefore, a thousandth of time to be captured in its surprising voracity, where everything resonates without music, falling into a magical compositional silence, which starts an orchestral and lyrical journey to be perfumed through perspective divergences and light dance pauses, touched with due sinuosity. The founding characteristic is its universal plurilingualism endowed with an indissoluble mimesis, with cosmic perceptions in human and superhuman forms, articulated in perfect geometric mirrors that have become fragments, within which dialogue according to numerous meanings and interpretations, as if there were a progression and a regeneration of the visible world transformed into perennial visions that create continuous connections. In this sense, the word is always a new incipit, which induces a primordial introduction to the latent sense of emotion made truthful in its own essence. We are not numbers but complete souls of eternal meaning in the perenniality of a mysterious path.

Arianna Di Presa - Poet and writer.

The plurilingualism of Anna Montanaro, (in) www.lavoceaglitaliani.it


With Anna Montanaro, matter takes on primordial anthropological and spiritual values!

Mattea Micello - Art Historian and Critic


A communicative art with a strong expressive impact, the balanced use of warm colors and overlapping glazes allow a sweet empathy with the work. The compositions and balances become a driving theme that combines figurative elements with geometric spatial ones creating new harmonious components.

Chiara Bovio - Art Critic


Anna Montanaro's works are a spectacular example of a mix of emotions. The great variety of subjects and her refined techniques make her figures fluid, or granitic, almost carved into the rock, like the faces of the APPUNTI DI VIAGGIO project. Her transfigurations or visions are a spectacle for the observer who would never tire of watching. Anna Montanaro's works are full of symbols and archetypes that transform the reading of the painting into an intellectual and multidimensional experience.

Maurizio Ganzaroli

TESTO CRITICO


Il linguaggio estetico recentemente intrapreso, unisce in un unicum la fotografia, la stampa e la pittura. Elementi funzionali alla poetica di Anna Montanaro. Essi rappresentano il ricordo nel suo essere confuso, frammentato e frammentario; la memoria, nel suo romanticismo e nella sua dolcezza, per preservarla e trasportarla nel presente. Una ricerca introspettiva di immagini del proprio inconscio che, di volta in volta, affiorano dalla tela come un ricordo intrappolato nella memoria. Un'immagine alcune volte offuscata ed in alcuni casi nitida, nella quale: oggetti, figure e forme si mescolano sfociando in una narrazione onirica. La tecnica utilizzata è volutamente effimera e latente volta ad enfatizzare la narrazione e coinvolgere lo spettatore nella ricerca di elementi a lui affini. Graffi e continue velature si alternano creando una lavorazione a più strati sovrapposti che donano profondità alla narrazione "stratigraficando e sedimentando" l'immagine immortalandola nel tempo.

Dott. Prof. Giorgio Gregorio Grasso - Storico e critico d'arte


Anna Montanaro riesce ad unire più tecniche, più filosofie, più linguaggi artistici, più linguaggi estetici per realizzare un'opera che non puoi definire in nessun modo se non con opera personale di Anna Montanaro. Appunti di viaggio rappresenta l'India ma la speranza è che il progetto venga allargato ad altri stati. L'opera di Anna Montanaro emoziona, ti fa vivere una realtà che non pensavi, ti fa entrare in un mondo magico che non immaginavi. La vera abilità di Anna Montanaro - che viene dalla pittura - in questo caso è nella riconoscibilità che nella fotografia è difficilissima ed è uno dei più importanti successi di un Artista. Come poi vedrete ogni opera ha un suo racconto, ogni opera ha un suo messaggio, ogni opera vuole dire qualcosa; in realtà saranno "Appunti di viaggio", ma non sono appunti di viaggio, perché Anna rappresenta l'umanità intera, la filosofia della vita, la filosofia della civiltà, quindi va molto aldilà del messaggio che vorrebbe limitare da un titolo che è riduttivo.

Dott. Prof. Giorgio Gregorio Grasso - Storico e critico d'arte 


Le opere a tecnica mista di Anna Montanaro (che si basano su ricordi che provocano sentimenti che vengono trasformati in simboli come risultato finale) esplorano la scena esterna (la danza) allo stesso modo di una scena intima e interiore (la genitorialità) offuscando così la percezione di " dentro" e "fuori" dicendo: "Siamo uno!".

Dott.ssa Kornelija Koneska, Critico d'arte e direttore di Osten Biennial of drawing e Osten Catoon, Skopje, Macedonia. 


I numerosi simboli, accanto a immagini concrete in elaborazioni digitali, permettendo ad Anna Montanaro la costruzione di opere sviluppate su piani e livelli prospettici diversi, che possono rievocare fantasie e memorie dell'infanzia o esistenti scorci visivi. Gli osservatori sono invitati a intraprendere un "viaggio" fra reale e irreale, nell'incastro dialettico sovrapposto a bisogni quotidiani "uguali per tutti", come l'acqua. La pittrice tende, in alcune occasioni, a riempire vuoti, a riunire forme, oggetti e persone, cercando di coinvolgere il pubblico in un percorso d'introspezione e analisi. L'accostamento e alternanze - tra aspetti grafici e toni, tra luci e ombre - rendono fastose le visioni rappresentate.

(da) Nuova Arte: Rassegna di artisti e partecipanti al "Premio Arte 2015-2016", Cairo ed.; Anna Montanaro pag. 32 


Il Maestro Anna Montanaro nasce a Carate Brianza e già all'età di undici anni frequenta la libera Accademia Artistica F.A.L. Dopo il diploma di maturità artistica presso il Liceo Artistico Pio XI di Desio, sotto la guida di Marcello Maloberti e Giampiero Moioli, si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Brera di Milano in Restauro d'Arte, specializzandosi prima in Restauro di dipinti su tela e tavola del '500 e del '600 presso l'istituto PDM di Prato e, in seguito, in Restauro di affreschi  stucchi superficiali con Giuseppina Suardi ed Elena Gigliarelli presso l'Accademia Dedalo di Brescia. Assiste dipoi la prof.ssa Luciana Biliotti al corso di dipinti antichi all'Accademia di Belle Arti di Brera, Tra i riconoscimenti ricordiamo il recente premio per l'Arte Grafica a OSTEN - Biennial of drawing 2022 presso Skopje (Macedonia). Visi teneri si affacciano, sono pazienti bambini; attenti e curiosi si stendono su una bruna superficie, scatto fotografico dalle cromie vintage; gli orsi giocattolo al centro, occhi sgranati e vitrei. l'opera di Anna Montanaro si presenta come rivelatrice investigazione di perduta risonanza emotiva. Apparente  caleidoscopica reiterazione del medesimo fanciullo, l'anima pura dell'effigiato, crocevia di numerosi istanti di esistenza, fugge, sconsolato, lo sguardo del visitatore, tanta dolcezza e guai pupille innocenti, tanta vigoria ancora nel dilatare le mani, alibi strumenti del fare nonché del salutare. Manifestano timori, ansie giacenti nel cuore, cercano speranza, atteso amore. Nell'affaccendarsi, il loro momento dilatato ferma il repentino abbandono del batter d'ali. Pari a un tappeto di giochi, quasi una sala d'attesa ammorbidisce, attutisce i singhiozzi malinconici, i precoci malati trovano una parvenza di tranquillità e calore ridente. Gli orsacchiotti sorridono, ascoltano, parole non pronunciano ma comprensione e affetto sprigionano. Guardiani di ricordi dolci e amari, a loro, i bambini, custodi nostalgici, rivelano la propria storia muta ed essi, premurosi confidenti, sciolgono gradualmente il grumo di dolore. Realismo viene donato dalla fotografia, vernice e resina traboccano di tocco romantico: il fotomontaggio dadaista della Nostra, lungi da sperimentazioni aride di sentimentalismo, si tramuta in ancora di connessione. Patiens fonde in un'unica narrazione l'aura di tragicità dell'esistenza e fiducia nell'avvenire, mentre le trame intessono un arazzo di amorevole empatia.

dott.ssa Stefania Pieralice - Critico internazionale d'arte moderna e contemporanea (da) V Catalogo Triennale di Arti Visive a Roma "La Poetica delle differenze", pagg. 180 - 181, 2023.



Le sue immagini pittoriche in cui gravitano sogni fin de siècle, sensibili tonalismi e mancate favole del nostro tempo, Anna Montanaro è un artista dell'oggi, dalla piega tutta figurale e reale che ingloba la sua novella narratività; e ne vive appieno la portata di segnalazioni nazionali cui è balzata per distinzione perché ne lascia convivere modernità e tradizione.

Prof. Dott. Carlo Franza - Critico internazionale d'arte moderna e contemporanea

La scoperta della possibilità di lasciar interagire tecniche artistiche differenti e mescolarle trasformandole in uno stile personale e riconoscibile ha generato nei creativi contemporanei la tendenza a esplorare emozioni e sensazioni che vengono poi manifestate nella modalità più affine alla propria inclinazione espressiva, senza doversi attenere a regole o limitazioni stilistiche che non permetterebbero loro di sentirsi liberi di far sentire la propria voce in maniera spontanea. L'artista di cui vi racconterò oggi fonde due tecniche apparentemente distanti, la fotografia e la pittura, che però in virtù della sua abilità espressiva si sovrappongono a armonizzano in un universo delicato e intenso di forte impatto emotivo. Il Novecento è stato un secolo di sperimentazioni artistiche, così come di innovazioni tecnologiche e, sebbene nei primi anni si fosse mantenuto un legame con la pittura intesa nel senso più classico del termine, andando avanti verso gli anni Cinquanta si è cominciato a effettuare contaminazioni tra l'arte intesa in senso più tradizionale e le scoperte che si avvicendavano rapidamente. La fotografia, il cinematografo, le ricerche sulla cinetica, la scoperta degli oggetti come forme d'arte, tutto era funzionale a dar vita a linguaggi artistici a volte fuori dagli schemi, altre provocatori e, nel caso di alcuni movimenti, denigratori della società dell'epoca. Il Dadaismo fu la prima corrente in cui tutto ciò che era non convenzionale poteva essere trasformato in arte, come nel caso dell'urinatoio trasformato in Fontana da Marcel Duchamp, ma anche dove tecniche come il collage, che contraddistinse la produzione artisitica di Hannah Höch, e il fotomontaggio che rese celebre John Heartfield, si trasformarono in base di ricerca per movimenti successivi che da quelle innovazioni presero spunto. Il Surrealismo, che nacque dalle ceneri del Dadaismo, si avvicinò al cinema, a immagini in movimento che divenivano completamento dell'opera o semplicemente parte del percorso di sperimentazione degli artisti che vi aderirono, come nel caso di Salvador Dalì che realizzò pellicole inquietanti insieme al regista Luis Buñuel, o di Man Ray in cui la fotografia divenne essa stessa opera d'arte attraverso cui sottolineare e concretizzare le linee guida del movimento, mentre il collage contraddistinse una delle poche donne appartenenti al Surrealismo, Eileen Adgar. Ma l'interazione tra immagine e arte non si fermò a quelle avanguardie dei primi decenni del Ventesimo secolo anzi, con il proseguire del tempo fu proprio il collage a divenire emblematico di molti esponenti della Pop Art, dall'inglese Peter Blake all'italiano Mimmo Rotella che con il suo stile Pop misto al Nouveau Réalisme in cui riassemblava stralci di manifesti pubblicitari con icone degli anni Cinquanta, tracciò un segno indelebile nella storia dell'arte internazionale. E ancora il celebre contemporaneo Michelangelo Pistoletto addirittura rompe ogni schema e inserisce immagini fotografiche di persone comuni all'interno di specchi in cui l'illusione tra il reale e l'osservato dona al fruitore un disorientamento e al tempo stesso il fascino di immaginare una dimensione altra da quella normalmente vissuta. L'artista lombarda Anna Montanaro torna a uno stile molto più tradizionale rispetto ai sopracitati maestri del Novecento, nel senso che la figurazione e l'ordine dell'opera sono tendenti a una rappresentazione realista, pur tuttavia caratterizzando le sue tele con inserti fotografici che mescola a una pittura evanescente, quasi in dissolvenza tra sogno e ricordo, un mondo di mezzo che chiunque racchiude dentro il proprio scrigno emotivo ed è per questo che la sensazione nostalgica non può non avvolgere l'osservatore. Il percorso a ritroso dell'artista non si limita tuttavia a un bagaglio emozionale proprio, quello che appartiene all'interiorità e alla storia di vita di ciascuno, bensì si allarga alla memoria collettiva, dedicando una serie di tele ai grandi eventi, ai grandi personaggi del passato sportivo, ai simboli del Classicismo, sempre usando ciò che contraddistingue tutta la sua produzione, cioè la sovrapposizione tra immagini fotografiche e apporto pittorico attraverso cui riesce a infondere quell'atmosfera sospesa dove il colore diviene sottolineatura emozionale. Il bianco e nero rappresentano la nostalgia per uno scorcio o un paesaggio non più appartenente al presente ma comunque ancora vivo nel ricordo dell'artista, il beige incarna un simbolo depositato nello scrigno emotivo e che ha il sapore dolce del frangente piacevole, dell'attimo magico in cui qualcosa di bello legato a quello scorcio si è legato al mondo emozionale e poi i colori vivaci per ridar vita a un passato che ha bisogno di essere descritto a tinte più forti.

Dott.ssa Marta Lock - critico d'arte

I delicati e intensi frammenti di memoria nella sovrapposizione stilistica di Anna Montanaro, (da) L'opinionista online, rivista 1 aprile 2022


Anna Montanaro nella sua ricerca artistica mostra di seguire due impostazioni apparentemente diverse che nascono, però, da una stessa sensibilità nel modo di concepire l'arte: come una visione statica, secondo i canoni di una perfezione classicizzante, o secondo una concezione dinamica, contemporanea, in cui il fare artistico si sviluppa libero e attivo. Certe immagini, ritratti e studi a graffite, sembrano cartoline dei vecchi tempi dal profumo della bellezza dei ricordi e di significati profondi, immagini velate da una tenda trasparente, appena visibile, a volte compatta, bianca, con drappeggi che cadono ai piedi dei protagonisti come una barriera, quasi un invito a sollevarla per scoprire un mondo sconosciuto. In questa prima maniera, l'arte di Anna Montanaro trasmette una misteriosa nostalgia che avvolge e domina l'atmosfera delle opere, come se l'artista si compiacesse di rivivere sentimenti rimossi senza comprimere le pulsioni vitali, che si consumano in se stesse tra tacite tastiere di una musica interiorizzata. Più vicina alla scultura questa serie di opere enfatizza la bellezza e la fragilità dell'essere viste secondo una perfezione statuaria: corpi nudi in posa, in atteggiamenti morbidi, armoniosi, dormienti, a volte presentati di spalle, a volte in torsione, o di fronte, vicini a una forma enigmatica di cavallo arcaico che si distacca per la sua corposa figura. E ancora una coppia mitologica, Angelica e Medoro, pronti ad incidere la loro storia d'amore sulla corteccia dell'albero; e volti della malinconia in cui l'espressività si concentra nell'intensità dello sguardo perso in una profonda contemplazione ed immerso nell'aspettativa; ritratti esibiti di profilo in sapiente silenzio, come in Siliere, o un'enigmatica Ofelia con il viso segnato in due parti leggermente contrastanti. Emblematico appare l'angelo dalle ampie ali, inginocchiato davanti un fiume bianco che lo sommerge come una valanga incontenibile, segnale luminoso, benefico o solo travestimento ingannevole che esorta alla sottomissione? Esprime impotenza, preghiera, ribellione, illuminazione o evasione innocua e, però, decisiva? Il discorso artistico continua con un metaforico volo di farfalle, una costante nell'immaginazione creativa dell'autrice, non a caso associata ai bambini con i loro desideri inafferrabili che provocano l'urlo dell'uomo-bambino, o mani tese che si allungano per prendere un giocattolo, offrire un fiore al simbolo della metamorfosi, o rappresentazione della Psiche, anime in migrazione, complessi impulsi, fasi trascendenti per accedere alla vita reale movimentata e coinvolgente. E siamo nel secondo modo, quando l'atto creativo si libera della riflessiva nostalgia di una statica bellezza classica e mette a fuoco immagini realistiche, una presa di posizione in cui si dimostra l'interesse per l'evento sociale, per la psicologia, per gli stati d'animo, forme e significati di uno sviluppo del pensiero artistico che si adegua a una realtà in continua trasformazione. I protagonisti sono di nuovo i bambini che passeggiano col dolce passo dell'amicizia, giocano a nascondino, o stanno in posa pensierosa accanto a un labirintico porticato. E una Danza vivace e coordinata nell'armonia dei movimenti in cui ogni partecipante contribuisce al gesto compiuto della gioia; Urania, la giovane musa dell'astronomia con gli occhi bendati allude a un ancestrale relativismo; vari ritratti di bambini con lo sguardo acceso da domande in attesa di risposte. Si aggiungono in un'atmosfera di dinamicità i giocatori di tennis, la grande sfida di Wimbledon, una donna indiana al lavoro, testimone per un progetto di Appunti di viaggio. Non potevano mancare in questa visione dinamica Amarcord o tram dei gelati con una precisa destinazione, le auto da corsa della bellezza scattante della Lamborghini. Un nuovo capitolo Sensum, si apre con forti immagini legate alla drammatica situazione causata da un virus che per la violenza del contagio ha cambiato il corso della vita nel mondo. L'artista lo presenta come un simbolo della paura, una sagoma realizzata a carboncino, munita da una maschera antigas; poi prosegue con una elaborazione di collage fotografico a colori, vernice e resina, volti in cui si legge paura, solitudine, rabbia, dolore, speranza, felicità. Come afferma Anna Montanaro stessa, il suo linguaggio artistico è "un concetto morale", che da una parte enfatizza l'estetica della perfezione classica e dall'altra capta sensi e sensazioni da un mondo attuale che vuole svelare con la sua arte e denunciare con obiettività; ecco perché Anna Montanaro è un'artista e nel contempo è una voce! 

Anna Montanaro. Una voce per l'arte. Dott.ssa Victoria Dragone - Poetessa e critico d'arte


Anna Montanaro lavora sull'immagine e sui materiali che divengono struttura primaria del soggetto. Nella sua pittura graffiata, toni, colori, pennellate si sovrappongono con fare lieve, ma deciso, conferendo profondità e ricchezza di piani visivi che si svelano piano piano all'occhio dell'osservatore. La sua è un'arte raffinata, ricca di spunti concettuali, in cui la maschera, il doppio, il riflesso, la trasparenza assumono valenza ideale e mentale. 

Dott. Guido Folco Presidente Editore-Direttore-Fondatore del mensile internazionale "Italia Arte". Direttore e Curatore del Museo MIIT di Torino. Presidente Galleria Folco. Giornalista professionista. Storico e Critico d'arte. Responsabile Culturale Aspim Europa. Defensor de Bens Culturais Instituto de Recuperaçao do Patrimônio Histórico no Estato de São Paolo do Brasil. Presidente Centro Studi Movimento Artistico Aldilà. Membro del Comitato d'Onore della Triennale d'Arte di Venezia di Palazzo Albrizzi Capello e della BIAC Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Potenza. Collaboratore Biennale della Murgia. Collaboratore Scilla Jazz Festival. Curatore di 'FIMAC Festival Internazionale del Mediterraneo di Arte Contemporanea'.


L'espressione artistica è il risultato di un momento nel divenire umano, che aspira a registrare quel momento e come ha influenzato l'artista e l'universo che lo contiene. Ogni opera è un pezzo del suo creatore, è un pezzo di storia, che in qualche modo cerca di ottenere cambiamenti comportamentali o semplicemente emotivi nella sua contemporaneità. Nell'opera d'arte nulla è casuale, sebbene noi pensiamo diversamente, l'artista crea con ciò che ha ed è consapevole della sua vita, del suo ambiente e dei suoi dati universali infiniti e cerca di guidare il suo fare per ottenere un'opera con contenuti, da conscio e subconscio. Siamo effimeri ed eterni e proprio come l'opera d'arte che, sebbene duri secoli e millenni, è anche effimera. La cosa magnifica dell'opera d'arte è il suo valore emotivo, il suo valore testimoniale e fondamentalmente culturale. Conosciamo il passato dell'umanità, in larga misura, grazie alle opere d'arte. Anna Montanaro, si dedica a questo lavoro e lo fa con tutto il carico emotivo interiore che amplifica l'evoluzione di questi momenti, in cui la sostenibilità del pianeta e del suo ambiente è un imperativo. Si manifesta in esso una delle tante possibilità che dobbiamo sostenere il colore della terra, il colore del cielo, i raggi del sole. Lo sviluppo del verde che dal basso cresce modificando le forme di vita nella giungla di cemento e ferro e riassorbendoci in qualcosa di più naturale, più comprensibile. Le ragioni per l'arte devono essere "ascoltate", non sono capricci o giochi, sono vigili, sono speranza.

ANNA MONTANARO - "Sostenibilità da terra a cielo''. Dott. Antonio Guzzo - Critico d'arte, Argentina.


In questa opera l'artista Anna Montanaro dimostra di muoversi molto bene nell'ambito di un genere di pittura contemporanea che, coniugando antico e moderno, utilizza schemi e matrici di origine informale - in particolare, la gestualità e una sorta di dripping... - per rappresentare un frammento estrapolato da una veduta più ampia riconducibile alla tradizione romantica. Notevole la profondità e gli effetti creati sulla massa liquida; la visione di questa opera dimostra quanto interessanti e validi siano i risultati ottenibili con tale tipo di ricerca, in quanto riesce a proporre nuove emozioni e sensibilità, in un contesto definibile - come è stato acutamente affermato - di un neo naturalismo. L'artista Anna Montanaro ha saputo proporre una immagine che ha tutta l'aria di essere stata idealmente estrapolata da un'immagine più ampia, per rappresentare in sintesi le caratteristiche stilistiche e di contenuto.

Amedeo Bigotti - Critico e Storico dell'Arte


Il soggetto raffigurato ce lo svela il titolo: "Tram dei gelati o Amarcord". Uno dei significati della parola Amarcord è proprio "nostalgia dei ricordi", e la evoca questo quadro. Il romanticismo nella raffigurazione si trova nel senso storico della parola, quel desiderio di tornare al passato, la nostalgia verso altri tempi si palesa nel soggetto che sembra una foto d'epoca. Siamo di fronte a una veduta cittadina, e vediamo ravvicinata la strada sulla quale passa il tram dei gelati. Accresce la nostalgia il fatto che la città è completamente deserta, senza un'anima, mentre il tram procede solitario a seguire il suo percorso.

Anna Montanaro ha trovato un suo linguaggio pittorico unico e non paragonabile a nessun altro. Ha sviluppato una modalità espressiva che riesce ad abbinare varie tecniche, come vernice, collage, elaborazione digitale, stampa su tela e intervento con colori acrilici per raggiungere soluzioni inedite. Questo connubio di fotografia, stampa e pittura risulta in quadri dal sapore quasi antico ma di fattura prettamente contemporanea. Riesce a coniugare antico e moderno. L'antico per esempio traspare dai segni ripetitivi che costellano la tela e sembrano quasi trasformarla in un tessuto dal ricamo prezioso, sopra il quale poi si fa strada la raffigurazione del soggetto. Inoltre i colori nell'insieme danno l'effetto di essere sbiaditi, schiariti forse per una troppa lunga esposizione dei pigmenti al sole, come un tessuto appunto. O sarebbe meglio dire che è un'opera dai colori che possono ricordare una pittura murale? Che sia una cosa o l'altra ovviamente ce lo detta la nostra immaginazione ma nell'impatto complessivo quel che ci arriva è un rimando al passato. Crea così una stratificazione tra rimandi al passato e tecnologie contemporanee, una dicotomia tra antico e presente. Infatti già la sua pittura È stata descritta come "Una ricerca introspettiva di immagini del proprio inconscio che, di volta in volta, affiorano dalla tela come un ricordo intrappolato nella memoria. (…) Graffi e continue velature si alternano, creando una lavorazione a più strati sovrapposti che donano profondità alla narrazione stratigraficando e sedimentando l'immagine immortalandola nel tempo."

Anna Montanaro nasce nel 1981 a Carate Brianza. Sin da giovane appassionata all'arte prosegue un percorso di studi in linea con la sua vena creativa frequentando prima il Liceo Artistico Pio XI a Desio e di diplomatosi successivamente all'Accademia di Belle Arti a Milano in qualità di restauratrice d'arte. Successivamente approfondisce gli studi focalizzandosi sul restauro di dipinti antichi del Seicento e Settecento e nel restauro degli affreschi, questi corsi li segue all'istituto PDM di Prato e al Centro Studi Dedalo di Brescia. Nel 2016 inoltre consegue la qualifica ministeriale di Collaboratore restauratore di Beni Culturali-Tecnico del restauro.

Per quanto queste notizio biografiche potrebbero far pensare ad uno stile di gusto classico e accademico, la pittrice è precisa osservatrice del contemporaneo, utilizzando tecniche miste e varie modalità creative nella creazione delle sue tele. Per quanto le sue opere a volte hanno un sapore nostalgico verso il passato, è attualissima e singolare la ricerca tecnica che sta portando avanti. Questo suo stile unico e riconoscibile le ha permesso anche di partecipare a diverse mostre collettive. Tra le più recenti può vantare la mostra del Premio Arte a Palazzo Reale a Milano, il 16° Premio nazionale d'arte a Novara; la Biennale W.A.B. aBra; e la personale allo spazio Zengallery sempre a Milano. Le sue opere sono state recensite anche su importanti pubblicazioni del settore come il Catalogo dell'ArteModerna n. 52, Editoriale Giorgio Mondadori.

a cura della redazione www.venderequadri.it


La sostanza effigiata d'ogni alito di vita: ne "Ophelia" di Anna Montanaro, ogni fiato immemore s'infrange l'uno dentro l'altro, come onda viva. Ed è il nostro intimo Volto ad affiorare dalla tela, come un petalo che ritorna al cuore che l'aveva perduto. La stratificazione tecnica, narrativa, emotiva e cosciente apportata dall'Artefice: monito all'inestimabile e specchio intimo di memorie, di esse muto, palpitante riverbero, e toccante ed immacolata sorgente. 

La memoria stessa, il riverbero muto dell'Effigie e del Colore: immacolata fonte per l'animo che ne vibra, perdutamente in ascolto. "Silere" (50x70 cm) è Opera evocativa di Anna Montanaro.

La sostanza effigiata d'ogni alito di vita: da Sentir giungere, per poterla varcare; ogni fiato immemore s'infrange l'uno dentro l'altro, come onda viva, ed è il nostro intimo Volto ad affiorare dalla tela, come un petalo che ritorna al cuore che l'aveva perduto. "Amarcord o tram dei gelati" (cm 80x120, 2017 - già pubblicata su NUOVA ARTE, Ed. G. Mondadori, 2017), è lirica Opera creata dall'Artista Anna Montanaro.

Dott.ssa Giada Eva Elisa Tarantino - Storico e Critico dell'arte


Nell'Opera inconfondibile e piena di personalità di Anna Montanaro vediamo, nel coraggio dei toni sobri e nella delicatezza dei lineamenti, frammenti di lotte; un vero sentimento impresso che invita soprattutto ad osservare l'Opera ed i colori senza fretta, per carpire un messaggio di trasformazione nell'Anima e nel Pensiero. 

Dott.ssa Roseli Crepaldi - Critico e curatore d'arte, CEO della Galleria Milanese


Nel presente articolo intendo evidenziare il notevole percorso d'arte di Anna Montanaro. Classe 1981, Anna Montanaro possiede una formazione artistica permanente, che sfocia in un plurilinguismo articolato in sfumature anagogiche, antropologiche, socialmente forti ed evolutive. L'artista acquisisce numerosi riconoscimenti che la conducono presso esposizioni nazionali ed internazionali. La sua capacità pittorica e fotografica è riconoscibile nell'immediatezza, dall'espressività ancestrale e onirica delle raffigurazioni,che trasportano i fruitori all'interno di un mondo onirico, sospeso tra la realtà quotidiana e l'aldilà, dove la trasmutazione dell'anima risuona quieta e veloce nell'andatura odierna. Ogni sfumatura è dunque, un millesimo di tempo da catturare nella sua sorprendente voracità, dove tutto risuona senza musica cadendo in un magico silenzio compositivo, che avvia un percorso orchestrale e lirico da profumare tramite divergenze prospettiche e lievi pause danzati , sfiorate con dovuta sinuosità. La caratteristica fondante è il suo plurilinguismo universale dotato di una mimesi indissolubile, con le percezioni cosmiche nelle forme umane e sovraumane, articolate in perfetti specchi geometrici divenuti frammenti, entro i quali dialogare secondo numerose accezioni e interpretazioni, come se ci fosse una progressione e una rigenerazione del mondo visibile trasformatosi in perenni visioni che creano continuative connessioni. In tal senso, la parola è sempre un nuovo incipit, che induce una primordiale introduzione al senso latente dell'emotività reso veritiero di essenza propria. Non siamo numeri bensì anime compiute d'eterno senso nella perennità di un misterioso cammino.

Arianna Di Presa - Poetessa e scrittrice.

Il plurilinguismo di Anna Montanaro, (in) www.lavoceaglitaliani.it


La materia con Anna Montanaro, assume valori primigeni antropologici e spirituali!

Mattea Micello - Storico e Critico dell'Arte


Un'arte comunicativa con un forte impatto espressivo, l'uso equilibrato dei colori caldi e delle velature sovrapposte permettono una dolce empatia con l'opera. Le composizioni e gli equilibri diventano un tema trainante che unisce elementi figurativi con quelli spaziali geometrici creando nuovi componenti armonici.

Chiara Bovio - Critico dell'Arte


Le opere di Anna Montanaro, sono un esempio spettacolare di mix di emozioni. La grande varietà di soggetti e le tecniche raffinate rendono fluide le sue figure, oppure granitiche, quasi scavate nella roccia, come i visi del progetto APPUNTI DI VIAGGIO. Le sue trasfigurazioni o visioni sono uno spettacolo per l'osservatore che non si stancherebbe mai di guardare. le opere di Anna Montanaro sono piene di simboli ed archetipi che trasformano la lettura del quadro in una intellettuale e multidimensionale esperienza.

Maurizio Ganzaroli